Accesso Civico

(a cura di Nicola Pettinari)

L’istituto dell’accesso civico è stato introdotto dal D.lgs 14 marzo 2013, n. 33 (“Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”), e rappresenta una delle più importanti innovazioni in fatto di trasparenza degli ultimi anni. 

In virtù di tale istituto è consentito a chiunque il diritto di richiedere, gratuitamente e senza necessità di motivazione, documenti, informazioni o dati di cui le pubbliche amministrazioni hanno omesso la pubblicazione prevista dalla normativa vigente. L’art. 3 del d.lgs. 33/2013 prevede infatti che tutti i documenti, le informazioni e i dati oggetto di pubblicazione obbligatoria ai sensi della normativa vigente siano pubblici e riconosce a chiunque il diritto di conoscerli, di fruirne gratuitamente, e di utilizzarli e riutilizzarli. Come stabilito all’art. 5 del decreto, per esercitare l’accesso civico la richiesta deve essere presentata al Responsabile della trasparenza o, in caso di ritardo o di mancata risposta, al titolare del potere sostitutivo.

Tale istituto segna un notevole avanzamento in senso partecipativo rispetto al diritto di accesso agli atti previsto (all’epoca in modo decisamente innovativo) dalla l. n. 241/1990, rispetto al quale si distingue in modo piuttosto marcato: se il tradizionale diritto di accesso agli atti della l. n. 241/1990 appare infatti incentrato sulla protezione di un interesse giuridico particolare (ne sono la prova il fatto che sia esercitabile solo da parte di soggetti portatori di dati interessi e che abbia per oggetto atti e documenti individuati), l’accesso civico del 2013 ha invece introdotto una legittimazione generalizzata a richiedere la pubblicazione di documenti, informazioni o dati per i quali sussiste l’obbligo di pubblicazione da parte delle pubbliche amministrazioni ai sensi della normativa vigente. 

Approfindimenti:
D.lgs 14 marzo 2013, n. 33 (“Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”).

Torna alle voci