Assisi, 3 dicembre 2015 - L'antenna potrebbe "traslocare"altrove: il comitato spera

ASSISI - "Da indiscrezioni pare che la compagnia telefonica si sarebbe mostrata disponibile a valutare ima delocalizzazione dell'antenna anche se deve verifícame la fattibilità e deve avere l'avvallo dell'amministratore delegato per cambiamenti nei lavori". Lo annuncia il comitato del Caminaccio con tutte la prudenza del caso, dopo che ieri mattina comitati e compagnia telefonica si sono incontrati con la giunta comunale, quando - previa civile protesta a colpi di cartelli con su scritto "delocalizzare a 500 mt" e "perché proprio li?" uno dei responsabili del Comitato del Caminaccio è stato invitato dal sindaco Antonio Lunghi ad esporre le ra gioni dei cittadini e a spiegare cosa il Comitato si auspica. Il Comitato ringrazia sindaco e giunta per l'invito e torna a ribadire come "la delocalizzazione di mezzo chilometro sarebbe meno impattante a livello paesaggistico e defilato da abitazioni, scuole e servizi", intanto la presidente della terza Commissione Claudia Travicelli ha convocato per domani alle 9 la terza commissione consiliare per discutere della creazione di una commissione speciale di indagine sulle antenne con la presenza di tutte le parti coinvolte (anche i Comitati quindi) per concertare la delocalizzazione e creare strumenti di supporto ai Comitati: "Vediamo - la conclusione della nota - se anche stavolta qualche assenza farà saltare tutto".