Audit Civico

L’audit civico nasce nel 2000 per iniziativa di Cittadinanzattiva, sulla base dell’esperienza del Tribunale per i diritti del malato.

Consiste in un’analisi critica e sistematica dell’azione delle aziende sanitarie promossa dalle organizzazioni di cittadini, ed è considerato una pratica democratica poiché cittadini comuni ed operatori sanitari delle aziende oggetto di audit collaborano attivamente nella raccolta di dati ed informazioni, avvalendosi di un metodo e di uno strumento di valutazione della qualità delle prestazioni delle aziende sanitarie locali e ospedaliere.

Un programma nazionale di collaborazione siglato nel 2007 tra il Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali e le aziende sanitarie ha permesso di mettere a punto una metodologia di valutazione civica caratterizzata da due dimensioni fondamentali: la struttura di valutazione e la partecipazione dei cittadini.

La definizione della struttura di valutazione rappresenta un’architettura entro la quale le informazioni analitiche raccolte dai cittadini vengono strutturate con la finalità di esprimere giudizi.

Le modalità di coinvolgimento dei cittadini previste nella metodologia dell’audit civico rappresentano una forma innovativa di partecipazione che supera le modalità tradizionali, prevalentemente legate alla consultazione: la presenza attiva dei cittadini, in tutte le fasi di svolgimento dell’audit civico, diviene una risorsa che può consentire di esprimere in maniera autonoma e originale specifici punti di vista, e di rendere trasparente e verificabile l’azione delle aziende sanitarie.

Essendosi sviluppato in collaborazione con le amministrazioni sanitarie regionali e locali, l’audit civico costituisce un esempio di attuazione del principio di sussidiarietà orizzontale.

In Umbria l’audit civico è stato attivato a seguito di una convenzione stipulata tra Cittadinanzattiva Nazionale Onlus e la Direzione Sanità e Servizi Sociali della Regione.

Approfondimenti: 
Audit civico di cittadinanzattiva. Umbria 2009 – 2011. La valutazione civica delle Aziende Sanitarie in Umbria

Cittadinanzattiva

Torna alle voci