Cittadino

Sebbene il termine venga generalmente impiegato per indicare i soggetti della società civile, dal punto di vista strettamente giuridico sono cittadini i soli soggetti titolari della cittadinanza formale.

Questa si configura come la condizione della persona fisica a cui l’ordinamento riconosce la pienezza dei diritti civili, politici e sociali; ne risultano pertanto esclusi gli stranieri, in quanto possiedono la cittadinanza di un diverso stato, e gli apolidi, in quanto privi della cittadinanza di qualsivoglia stato.

L’insieme dei cittadini di uno stato ne costituisce il popolo, mentre si definisce popolazione l’insieme degli individui presenti a vario titolo sul territorio nazionale indipendentemente dal fatto di esserne anche cittadini.

La popolazione è nozione di tipo demografico, che si distingue da quella di popolo e coincide con l’insieme degli abitanti, in quanto ricomprende anche stranieri e apolidi, mentre non ricomprende i cittadini residenti all’estero.

Ogni ordinamento giuridico regola i criteri di acquisto della cittadinanza, ancorati nella maggior parte dei paesi europei allo ius sanguinis.

Adottare il mero criterio della cittadinanza formale, specie se fondato sullo ius sanguinis, produce peraltro effetti limitanti in termini di possibilità di partecipazione al governo della cosa pubblica, e quindi di inclusione sociale e democraticità dei processi decisionali.

In considerazione di ciò si sta estendendo il riconoscimento della titolarità di diritti civili e sociali in capo agli stranieri, e sono da tempo in discussione disegni di legge di riforma della disciplina della cittadinanza, volti a renderne più agevole l’acquisto e a valorizzare il legame con il territorio.

Approfondimenti: 
A. ANASTASI, Immigrazioni internazionali e democrazia partecipativa. Interazione, tolleranza e reciprocità, Rubbettino, 2005

M. ANGELELLI, Essere cittadino italiano. L’educazione civica e il ruolo dei cittadini, Curcio, 2011

P. BERTOLOTTI, Ci sono anch’io. Il cittadino e la democrazia partecipativa, KC Edizioni, 2003

Legge 5 febbraio 1992, n. 91, Nuove norme sulla cittadinanza

Torna alle voci