Formazione

Le procedure partecipative devono essere pianificate ed attuate da soggetti qualificati e dotati di adeguate competenze professionali.

Può trattarsi di personale interno all’amministrazione oppure di soggetti privati esterni di cui questa si avvale.

Nel primo caso, il personale deve essere appositamente formato e aggiornato sulle principali e più recenti tecniche partecipative; nel secondo caso deve trattarsi di facilitatori o esperti di progettazione partecipata.

Rientra fra gli obiettivi delle politiche partecipative quello di apprestare sedi e momenti di formazione all’uso delle tecniche partecipative, finalizzati sia allo sviluppo professionale dei dipendenti pubblici che alla promozione della cultura partecipativa nella società civile, con particolare attenzione ai giovani, alle associazioni, agli esperti e agli operatori locali, ai dirigenti scolastici e agli insegnanti.

Approfondimenti: 
V. ANTONELLI, Cittadini si diventa: la formazione alla democrazia partecipativa, in G.C. DE MARTIN, D. BOLOGNINO (a cura di), Democrazia partecipativa e nuove prospettive della cittadinanza, Padova, 2010

Torna alle voci