Marsciano, 22 novembre 2015 - Il comitato di Morcella chiede chiarezza sul progetto delle due centrali a biomasse

MARSCIANO - L'associazione Amici di Morcella non molla la presa sulla questione ambientale e l'ha detto a chiare note ieri pomeriggio, nella sede del consiglio regionale , in attesa delle due pronunce della conferenza dei servizi, che sarà chiamata a partire da dopodomani a esprimersi sul possibile via libera ai progetti di costruzione di due centrali a biomasse per un totale di 400 kilowatt a ridosso del borgo marscianese. L'associazione si è mobilitata sin dal dicembre 2014, quando scopre "quasi per caso l'esistenza del progetto" per attivarsi poi a inizio anno per raccogliere intanto le firme di tutti i trecento abitanti del borgo e ottenere l'accoglimento di tutte le osservazioni presentate ad Arpa e Regione. Azione questa che porta a un primo risultato: il provvedimento valutazione di impatto am bientale per l'impianto e la conseguente necessità, per le aziende promotrici dell'iniziativa, di presentare un nuovo progetto a giugno. Quello sul quale la conferenza si sta per pronunciare. "Nessuna contrarietà a priori da parte nostra - dicono il segretario dell'associazione Mirko Bertolini e Caterina Emili - ma la consapevolezza che siamo di fronte ad un'azione senza nessun riscontro oggettivo dal punto di vista delle necessità del territorio. L'impianto poi dovrebbe essere alimentato da combustibile che non si trova nel nostro territorio e dovrebbe quindi essere trasportato da fuori, in un contesto, quello di Morcella, fatto di un'unica piccola strada. Una forzatura. A ciò si aggiunge la poca convenienza, ma anche gli svantaggi in termini di impatto ed emissioni. La nostra azione nasce dalla consapevolezza che poi, una volta fatto, sarà difficile tornare indietro. E questa è una previsione che si fonda sull'esperienza che stiamo vivendo con l'altra vicenda, relativa all'impatto ambientale dei pannelli fotovoltaici istallati sette anni fa. Noi continuiamo la nostra battaglia percorrendo comunque le sedi istituzionali e potendo contare sul sindaco di Marsciano che ci ha garantito il suo impegno, prendendo atto della nostra volontà di non prestarci a nessuna strumentalizzazione e del nostro senso civico e di responsabilità".