Rendicontazione Sociale

Con il processo di rendicontazione sociale si intende migliorare il livello di accountability di un’amministrazione, mettendo quest’ultima in condizione di rendere conto del proprio operato.

I principali strumenti di rendicontazione sociale sono: il bilancio sociale annuale, il bilancio sociale di mandato, il bilancio sociale di settore, il bilancio ambientale, il bilancio di genere.

Le finalità della rendicontazione sociale, ovvero le ricadute che essa può generare all’interno e all’esterno del sistema di relazioni in cui l’amministrazione è inserita, possono apprezzarsi su molteplici piani:

a) contabile (integrazione e rivitalizzazione del sistema di rendicontazione dell’uso delle risorse economico-finanziarie già adottato dalle amministrazioni pubbliche);

b) comunicativo (è strumento di governo delle relazioni con l’esterno al fine di garantire una maggiore qualità dei processi di comunicazione e di scambio con i portatori di interesse);

c) politico (consente di rilegittimare socialmente l’azione amministrativa e il sistema della rappresentanza, attraverso una maggiore trasparenza e visibilità delle scelte politiche e una possibilità di valutazione condivisa della capacità di buon governo);

d) della governance interna (favorisce la responsabilizzazione delle amministrazioni alla sostenibilità della spesa pubblica);

e) strategico-organizzativo (può essere strumento efficace per orientare i processi di pianificazione, programmazione e controllo dell’ente);

f) professionale (contribuisce a ridare senso al lavoro pubblico, finalizzando l’organizzazione del lavoro alla consapevolezza e al miglioramento dei risultati prodotti per i destinatari, valorizzando e sviluppando le competenze e le professionalità).

Approfondimenti: 
A. TANESE (a cura di), Rendere conto ai cittadini. Il bilancio sociale nelle amministrazioni pubbliche, Napoli, E.S.I., 2004

Riferimenti normativi: 
Direttiva del Ministro della Funzione Pubblica sulla rendicontazione sociale nelle amministrazioni pubbliche, 17 febbraio 2006 

Torna alle voci