Solidarietà

Per solidarietà si intende la capacità dei membri di una collettività di agire nei confronti di altri come un soggetto unitario.

Nel lessico contemporaneo il termine è utilizzato per lo più in connessione con le tematiche della partecipazione, della sussidiarietà, dell’inclusione sociale.

La Costituzione contempla il principio di solidarietà ed inquadra i diritti in una prospettiva di tipo solidaristico, in ragione della stretta connessione fra dimensione individuale e dimensione relazionale della persona.

Inoltre, il fatto che i doveri di solidarietà, così come il principio di partecipazione, vengano riferiti ai piani politico, economico e sociale porta a specificare il principio di solidarietà in termini di integrazione permanente e attiva della persona nella vita dello Stato e della comunità sociale.

La stretta connessione fra solidarietà e partecipazione impone di mantenere centrali, nelle politiche partecipative, gli obiettivi di giustizia sociale: ciò è particolarmente evidente con riferimento alle categorie a forte di rischio di esclusione e alle politiche di governo della diversità, rispetto alle quali le politiche partecipative possono conseguire grandi risultati in termini di integrazione ed estensione della cittadinanza sociale.

Con la riforma della Costituzione realizzata nel 2001 il principio di solidarietà ha trovato un importante sviluppo nel principio di sussidiarietà orizzontale.

Approfondimenti: 
G.M. LOMBARDI, Contributo allo studio dei doveri costituzionali, Milano, 1967.

Riferimenti normativi: 
Art. 2 Cost. it.

Torna alle voci