Trasparenza

La trasparenza costituisce una regola fondamentale dell’agire pubblico: elaborata in Italia a partire dagli anni ’90 con riferimento all’organizzazione amministrativa, essa si impone oggi alla generalità dei processi decisionali pubblici in quanto risvolto del più generale principio democratico.

Il valore della trasparenza viene riferito alla necessità di chiarezza, comprensibilità, non equivocità di una struttura e del suo agire, al fine di garantire l’accountability dei soggetti pubblici, l’affidamento dei cittadini (ovvero la loro fiducia nella correttezza della decisione) e la possibilità di controllo e di reazione degli stessi.

Con particolare riferimento all’azione amministrativa, il principio di trasparenza è strumentalmente legato a quelli di legalità, buon andamento e imparzialità.

Principali strumenti attuativi previsti dalla legislazione vigente sono l’obbligo di motivazione degli atti amministrativi, la partecipazione dei privati al procedimento e il diritto di accesso agli atti.

La mera osservanza degli obblighi procedimentali non esaurisce il rispetto del principio di trasparenza, quest’ultimo dovendo intendersi in un’accezione più ampia: accedere ad un atto incomprensibile non garantisce di per sé il rispetto della trasparenza.

Il fatto che la trasparenza sia principio dell’attività amministrativa fa sì che anche i soggetti privati autorizzati a gestire servizi pubblici debbano osservarne le relative regole procedurali.

Gli strumenti di attuazione del principio di trasparenza costituiscono altrettanti presupposti del modello della democrazia partecipativa, in quanto consentono di conoscere oggetto, dinamiche e motivazioni dei processi decisionali; tuttavia essi non possono esaurire gli obiettivi di quel modello, trattandosi di condizioni necessarie ma non sufficienti rispetto alle specificità dei processi partecipativi strettamente intesi.

Approfondimenti: 
G. ARENA, Trasparenza amministrativa, in S. CASSESE (a cura di), Dizionario di diritto pubblico, Milano, 2006;

B. CAVALLO, Il procedimento amministrativo tra semplificazione partecipata e pubblica trasparenza, Giappichelli, 2001;

F. MERLONI, G. ARENA, G. CORSO, G. GARDINI, C. MARZUOLI (a cura di), La trasparenza amministrativa, Giuffrè, 2008;

A. POLICE, La predeterminazione delle decisioni amministrative. Gradualità e trasparenza nell’esercizio del potere discrezionale, E.S.I., 1998.

Trattato Comunità Europea, artt. 207 e 255

Costituzione Italiana art. 97

Legge 15 marzo 1997, n. 59, Delega al Governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni ed enti locali, per la rifo

D. lgs. 31 marzo 1998, n. 112, Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, i

L.R. Umbria 16 aprile 2005, n. 21, Statuto della Regione Umbria;

L. R. Umbria 4 dicembre 2006 n. 16, Disciplina dei rapporti tra l’autonoma iniziativa dei cittadini e delle formazioni sociali..

L. R. Umbria 16 settembre 2011, n.8, Semplificazione amministrativa e normativa dell'ordinamento regionale degli Enti locali ter

Torna alle voci